Selezioni: lo Champagne per Benoit Marguet

259,00

Cassetta in Legno con 3 Champagne di Benoit Marguet: Shaman 17, Ambonnay 2015, Les Saints Remy 2014. Tutti Grand Crù Nature: il “base”, il “comunale”, il “parcellare”. Eleganza, finezza, emozione nel poter degustare uno dei migliori produttori Francesi degli ultimi anni.

Esaurito

Descrizione

Selezioni: lo Champagne per Benoit Marguet

Enoteca Cremona ha selezionato per voi 3 bottiglie di champagne della maison di Benoit Marguet. Discepolo di Selosse e cantiniere di Krug, Benoit possiede circa 8 ettari di vigneti ad Ambonnay e parte delle sue straordinarie uve le conferisce a Krug. Produce circa 40000 bottiglie all’anno, solo Gran Crù, secondo i dettami della biodinamica: niente chimica né in pianta né in cantina. In vigna solo a piedi o a cavallo e le vendemmia è, manco a dirlo, manuale in modo da scegliere i migliori grappoli in assoluto. Fermentazioni spontanee sui propri lieviti e zero dosaggio, con gli arricchimenti adoperati esclusivamente solo con mosti d’annata refrigerati, completano il quadro produttivo di colui che viene considerato il futuro dello champagne: bolle elegantissime, personalissime che nel bicchiere esprimono con audacia ed eleganza tutto l’amore che Marguet pone nei suoi vigneti.

Shaman 17 è prodotto con uve Pinot Nero al 67% e Chardonnay 33% provenienti dalle parcelle Ambonnay e Bouzy, Montagne de Reims. Entrambi sono classificati come Grand Crù. I filari hanno in media 40 anni: le viti hanno un arbusto forte e le radici ben radicate nei terreni ricchi di nutrimenti. Le vinificazioni avvengono separate in barriques, dove rimarranno per almeno un paio d’anni, per poi procedere all’assemblaggio prima della seconda fermentazione. In questo modo, Benoit si riserva la possibilità di poter esprimere sempre al meglio il suo terroir. Infatti, 17 è l’anno della vendemmia di riferimento, ma Shaman è, e sarà composto anche in parte da vinificazioni di altre annate. Al bicchiere si presenta con un colore tipicamente paglierino, leggermente dorato. La grana delle bollicine è fine, e ha una buona durata. Al naso si orchestra su note fruttate, agrumate ed anche di miele. Al palato è di corpo medio, ampio e fasciante, con una beva caratterizzata da una piacevole freschezza e da un’incantevole cremosità.

Ambonnay 2015 è prodotto da uve Pinot Nero 53% e chardonnay 47% provenienti esclusivamente dai vigneti di Ambonnay. Come per lo Shaman, la prima fermentazione avviene in barrique esclusivamente sui lieviti indigeni, mentre la seconda, ovviamente in bottiglia, durera almeno 48 mesi prima della sboccatura senza dosaggio. Al bicchiere si presenta di un bel colore giallo dorato, intenso ma non troppo carico, con perlage finissimo e molto ricco; al naso esprime sentori di agrumi come pompelmo rosa e arancia, frutta matura a polpa bianca e soffi di lievitazione e pasticceria. Al naso è intenso, ricco, polposo con un’ottima tensione e struttura al palato. Bolla dal finale di beva secco e minerale dalla lunga persistenza. 5348 bottiglie.

Les Saints Remy 2014 è un Lieu-Dit di Pinot Nero nel villaggio di Ambonnay. E’ il primo “parcellare” di Benoit in quanto è vinificato esclusivamente da una piccolissimo vigneto situato nel celeberrimo villaggio sulla Montagne de Reims. Le uve vengono fermentate la prima volta per 9 mesi in legni diversi e di diverse dimensioni, sempre sui propri lieviti, per poi venire assemblate e rifermentate 4 anni in bottiglia sempre sui propri lieviti. Al bicchiere si presenta dorato carico, quasi “ramato” con perlage finissimo e persistente; al naso è finissimo e molto ricco con sentori che spaziano dai frutti rossi maturi come fragole e ciliege, sentori di lievitazione e minerali. Al palato è vellutato, intenso, “spesso” con sapori netti e decisi: agrumati, fruttsti, sapidi con un’ottima struttura che elegantemente sostiene la beva. Finale di sorso intenso, lunghissimo, coinvolgente. 2446 bottiglie.

Informazioni aggiuntive

Produttore

Selezioni ENOTECA CREMONA

Formato

Cassetta Legno 3 Bottiglie

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Selezioni: lo Champagne per Benoit Marguet”