INGREDIENTI   

       2  piccioni, già puliti, 80 g di prosciutto crudo, 1 cipolla, 2 spicchi di aglio, 1 ciuffetto di salvia, 5 dl di vino rosso secco, 50 g di olive nere, 1 cucchiaio di capperi sotto sale,      

        brodo di poll, olio extravergine di oliva, sale, pepe

  • Lavate brevemente i piccioni, asciugateli tamponando con carta assorbente da cucina, tagliateli in quattro, quindi metteteli in un tegame con il prosciutto sminuzzato, la cipolla e l’aglio, sbucciati e tritati, e mezzo bicchiere di olio; salate, pepate e profumate con le foglie di salvia. Fate rosolare i volatili voltandoli spesso, quindi bagnateli con il vino e lasciatelo sfumare.
    Unite alla preparazione le olive, denocciolate e grossolanamente spezzettate o divise a metà, e i capperi ben dissalati; mescolate, regolate di sale, coprite e fate cuocere per 50 minuti, voltando spesso i piccioni e bagnandoli, se necessario, con poco brodo caldo.
    Scoperchiate e fate addensare il condimento per qualche minuto, poi togliete dal fuoco, lasciate riposare per 5 minuti e servite i volatili con il loro saporito intingolo

www.cucina.corriere.it

IL PICCIONE

Il Piccione è la versione domestica del Colombaccio. Viene venduto non eviscerato ma spiumato, con testa ali e zampe. Ha carne meno soda e saporita del colombaccio, ma in compenso richiede una cottura più breve. È consigliabile mangiare piccioni giovani, appena giunti al completo sviluppo (3-4 mesi), in quanto hanno carni più tenere e saporite (la giovinezza si riconosce dal peso e dalla morbidezza del becco). La carne di piccione presenta un elevato contenuto proteico (22%) un basso contenuto di grassi (5%) e un discreto tenore di ferro e vitamine del gruppo B.

 

IL VINO

Piatto dai sapori decisi pur senza raggiungere una grande intensità. Il vino che possiamo accompagnare sarà rosso e di buon corpo, come il Rosso di Montefalco prodotto da Francesco Mariani nella sua azienda agricola Raìna, a Montefalco.  Prodotto con uve Sangiovese per il 70%, aggiunto a Merlot e Sagrantino, questo Rosso sorprende per bevibilità ed equilibrio; il colore rubino intenso con profonde sfumature violacee prelude ad un sorso pieno ma agile e inteso, con sentori balsamici di sottobosco. Un ottimo bicchiere, equilibrato e di soddisfazione.

 

Video presentazione

Il video di presentazione dell'Enoteca Cremona con Patrizia Signorini

Scopri Cremona

Una selezione di link utili per scoprire le bellezze di Cremona...

Italian English French German